EPIRO | Il maestro Alain Passard incorona EPIRO
73
post-template-default,single,single-post,postid-73,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-12.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Il maestro Alain Passard incorona EPIRO

Alain Passard, mani nell’orto e arte nel piatto per sua maestà lo chef

A Villa Medici l’incontro con il cuoco francese più premiato al mondo, titolare del ristorante l’Arpège di Parigi, tre stelle Michelin ininterrottamente dal 1996

Amo Roma e apprezzo il lavoro di «Epiro» sulle coltivazioni stagionali

A Roma viene sempre volentieri. «Amo questa città – confessa – e mi piace tornare anche solo per rendermi conto, ogni volta, che non la conosco mai abbastanza. Tra i luoghi del cuore ci sono piazza Navona con la fontana del Moro e Sant’Agnese in Agone, starei ore a osservarli». Ma oltre ai monumenti Passard tiene d’occhio anche la giovane generazione di ristoratori romani che seguono il suo esempio. «Ho sentito parlare del ristorante Epiro – commenta – e del lavoro che sta facendo sulle coltivazioni stagionali. Il suolo italiano è talmente ricco che riesce a essere generoso tutto l’anno, penso che Epiro stia sfruttando al meglio questo dono e con stile».

 

Articolo Corriere della Sera:
http://roma.corriere.it/notizie/cultura_e_spettacoli/17_maggio_10/alain-passard-mani-nell-orto-arte-piatto-sua-maesta-chef-12ad5818-35ac-11e7-ae5c-ac92466523f8.shtml